Culbianco
Lucertola vivipara
Marasso
Marmotta
Pernice bianca

Anemone alpina
Camedrio alpino
Festuca
Genziana punteggiata
Silene a cuscinetto
Soldanella nana o del calcare

 

Sei qui: Home > Natura > Praterie alpine > Arvicola delle nevi

Arvicola delle nevi (Chionomys nivalis)


Foto di R. Locatelli P. Paolucci Arch. PAT


E’ l’arvicola che si spinge più in quota. Predilige le brughiere d’alta quota ricche di depositi morenici e frane; al contrario delle altre arvicole scava raramente gallerie e utilizza le fessure tra i detriti come gallerie per spostarsi, per nascondersi e come tana, imbottita di materiale vegetale. Attiva soprattutto di sera, si ciba di radici, foglie, fiori e frutti. Si riproduce una o due volte all’anno: i piccoli, generalmente 3 per cucciolata, restano più a lungo delle altre specie con la madre prima di essere svezzati, circa 40 giorni.